Terre lontane

“Non esiste un vascello veloce come un libro per portarci in terre lontane”. Emily Dickinson

In questo momento della vostra vita, quali libri vi stanno portando in tali terre? Il vostro sguardo a quali orizzonti è rivolto? Se vi va, parlatecene scrivendolo nello spazio destinato ai commenti. Per quanto mi riguarda, in questo momento le mie “terre lontane” sono rappresentate dall’analisi introspettiva e allo stesso tempo inquietante dell’addormentatore di bambini, protagonista di “La casa senza ricordi” di Donato Carrisi, che cerca di salvare il piccolo Nikolin, pedina e vittima inconsapevole di un abilissimo manipolatore della mente umana. Il viaggio nelle profondità dell’animo appare affascinante, profondo ma allo stesso tempo crudele e spaventoso. Ve ne parlerò presto.

Photo by Caio on Pexels.com

Maria Domenica Depalo