La mostra “Bansky realismo capitalista” a Bari

La mostra “Bansky realismo capitalista” a Bari

Dopo “Planet or Plastic?” del National Geographic, il Cinema Bif&st e la nuova edizione del World Press Photo, il capoluogo pugliese accoglie ed ospita la mostra dedicata al grande Bansky, Bansky realismo capitalista.

Scenario di questo grande evento è il Teatro Margherita in Piazza IV Novembre. Curata da Stefano Antonelli e Gianluca Marziani e promossa dal Comune di Bari, prodotta e organizzata dalla “MetaMorfosi Eventi” con il supporto della Regione Puglia, essa sarà visitabile dal pubblico dal lunedì al giovedì dalle ore 10:30 alle 20:30 e dal venerdì alla domenica dalle ore 10:30 alle 21:30, fino al 12 giugno 2022.

photo©MariaDomenicaDepalo

Si tratta di un’occasione straordinaria per la nostra regione, come sottolineano sia il sindaco di Bari, Antonio Decaro che il presidente della regione Michele Emiliano.

Parlare di street art oggi, e farlo con quello che è unanimemente considerato il più grande street artist della scena mondiale, significa immergersi totalmente nel dibattito attuale, toccando con mano il potere dirompente dell’arte, in particolare quella di strada, nel panorama storico-sociale contemporaneo  (cit. di Antonio Decaro da http://www.arte.it/calendario-arte/bari/mostra-banksy-realismo-capitalista-84619 )

Verranno presentati vari lavori e video ma l’attenzione non potrà non essere catapultata da Girl with Balloon, serigrafia su carta risalente al 2004 e 2005, e da “Love is in the Air“, che riproduce un giovane che lancia un mazzo di fiori.

photo©MariaDomenicaDepalo

Ricca di significato, ironia, mistero e profondità, la mostra appare come un’occasione unica per la nostra città ed i baresi per conoscere un artista mai banale, ma intenso ed attento alla realtà che lo circonda.

photo©MariaDomenicaDepalo

Ma chi è Bansky? In realtà non lo sappiamo con precisione. Forse è nato nel 1974 – nella cittadina inglese di Bristol. Forse ha vissuto in una famiglia operaia oppure no. Forse è membro del ceto borghese.

Probabilmente ha trascorso vissuto la sua adolescenza in un quartiere periferico sempre di Bristol.

Sembra che non abbia mai frequentato l’Accademia delle Belle Arti. I suoi primi murales sono stati realizzati nel centro giovanile di Barton Hill.

I suoi lavori, veri, reali ed intensi raccontano la realtà, spesso con sarcasmo ed ironia, ma sempre con verità. I temi delle sue opere sono molteplici: la guerra, la politica, le ingiustizie, la bellezza ma anche l’amore. Il comun denominatore delle opere oltre alla tecnica di realizzazione è l’esigenza di farsi portavoce degli altri e di chi non può esprimersi.

photo©MariaDomenicaDepalo

I murales di Basky, realizzati con la tecnica dello stencil, sono presenti in tutto il mondo. Ne abbiamo qualche testimonianza anche in Italia, a Napoli e a Venezia.
Sostenitore di una visione dell’arte come espressione del reale, Bansky ricorre ad una grande varietà di soggetti come topi, scimmie, bambini ma anche membri della Royal Family per rappresentare con un fare tagliente ed incisivo vizi e virtù dell’umano.

photo©MariaDomenicaDepalo

Dal valore inestimabile sia per modalità di realizzazione che per bellezza, le sue opere si fanno veicolo di messaggi fondamentali. Lo street artist ha colpito con la sua arte anche Venezia in occasione dell’inaugurazione della 58ª Biennale Internazionale d’Arte con un messaggio a sostegno dei migranti. Su un muro scrostato che si affaccia sul Rio di San Pantalon (Rio Novo) ha rappresentato un Naufrago Bambino che, con i piedi che ancora sfiorano l’acqua, indossa un giubbotto di salvataggio e alza al cielo un razzo segnaletico. (cit. da http://www.arte.it/artista/banksy-573 )

N.d.r. Tutte le foto presenti nell’articolo ed in copertina sono state scattate nel teatro Margherita di Bari dalla sottoscritta, ©MariaDomenicaDepalo.

Link:

http://www.arte.it/calendario-arte/bari/mostra-banksy-realismo-capitalista-84619

http://www.arte.it/artista/banksy-573

https://cultura.biografieonline.it/banksy-biografia/

Maria Domenica Depalo

Parole su carta: recensione di “La casa senza ricordi” di Donato Carrisi

Parole su carta: recensione di “La casa senza ricordi” di Donato Carrisi

La casa senza ricordi, ed. Longanesi, si propone nella trama e nella caratterizzazione dei suoi personaggi come un romanzo intenso, sottile, inquietante ma soprattutto appassionante. Quindi è perfetto per chi, come me, ama i thriller.

photo©MariaDomenicaDepalo

Ogni singola pagina richiama con decisione la seguente in un susseguirsi di eventi che, inevitabilmente, coinvolgono il lettore in un turbine di emozioni e di sensazioni di smarrimento ma soprattutto di quesiti che sembrano non avere una risposta immediata.

photo©MariaDomenicaDepalo

Il protagonista è l’addormentatore di bambini, Pietro Gerber, psicologo infantile e ipnotista, già protagonista di “La casa delle voci” (che ovviamente leggerò!!! n.d.r.).

Il libro si apre con un bambino scomparso da tempo con la madre. Nikolin, privo di ricordi, viene ritrovato da una donna anziana in un bosco della Valle dell’inferno.

photo©MariaDomenicaDepalo

Tuttavia, il dodicenne non sembra essere stato trascurato o maltrattato. Anzi, appare evidente che qualcuno si è preso cura di lui. Nikolin non parla però e quindi è impossibile capire chi se ne sia occupato.
La sua mente è trincerata in un’oscurità apparentemente senza fine.

photo©MariaDomenicaDepalo

L’unica persona che sembra in grado di risvegliare il bambino è proprio Gerber.
Sarà proprio lui a scoprire che il bambino in realtà è stato scelto per narrare una storia non sua, terribile e spaventosa.

Maria Domenica Depalo

Terre lontane

“Non esiste un vascello veloce come un libro per portarci in terre lontane”. Emily Dickinson

In questo momento della vostra vita, quali libri vi stanno portando in tali terre? Il vostro sguardo a quali orizzonti è rivolto? Se vi va, parlatecene scrivendolo nello spazio destinato ai commenti. Per quanto mi riguarda, in questo momento le mie “terre lontane” sono rappresentate dall’analisi introspettiva e allo stesso tempo inquietante dell’addormentatore di bambini, protagonista di “La casa senza ricordi” di Donato Carrisi, che cerca di salvare il piccolo Nikolin, pedina e vittima inconsapevole di un abilissimo manipolatore della mente umana. Il viaggio nelle profondità dell’animo appare affascinante, profondo ma allo stesso tempo crudele e spaventoso. Ve ne parlerò presto.

Photo by Caio on Pexels.com

Maria Domenica Depalo

Festa della mamma

Festa della mamma

Tantissimi auguri alla mia piccola grande MAMMA e grazie per quello che hai fatto e fai per noi!!! ❤️❤️❤️

Si può essere madri in tante forme diverse: non dovremmo mai dimenticarlo.
Auguri pertanto a chi avrebbe voluto esserlo ma per scelta o destino non ha realizzato questo sogno, auguri a chi è mamma di figli non suoi, auguri perché la maternità è una condizione non solo fisica e biologica ma è soprattutto un modo di essere del cuore. ❤️

Maria Domenica Depalo

Oroscopo filosofico di maggio 2022

Oroscopo filosofico di maggio 2022

Cosa ci riserverà il mese di maggio? Tempeste o acque tranquille? Oppure entrambe, magari anche nella stessa giornata. Lo scopriremo solo vivendo. Buon oroscopo e ricordate sempre che tutto dipende solo ed esclusivamente da voi.

Ariete:

Eventi e momenti importanti si stanno avvicinando inesorabilmente ed ineluttabilmente. Niente panico: li saprete vivere appieno e con gioia.

Toro:

Forti e determinati, avete dimostrato e continuate ancora a dimostrare una forza d’animo ed una volontà non indifferenti. Continuate in questo modo!

Gemelli:

Vi vedo un po’ nervosetti. Fate un bel respiro e prima di parlare contate fino a cento. Ve ne saranno grati sia i colleghi di lavoro ma soprattutto i vostri familiari.

Cancro:

Se avete la sensazione di sentirvi trascurati dal proprio partner allora è il caso di parlarne. Spesso il non detto può portare a gravi conseguenze.

Leone:

Che strano vedervi così annoiati: non è da voi. Suvvia, le novità sono dietro l’angolo e vi attendono con ansia. Non perdetevele.

Vergine:

Le amicizie vanno coltivate e gli amori custoditi con cura. Ricordatevene la prossima volta che vi lamenterete perché siete soli.

Bilancia:

Il presente vi va stretto ma il futuro vi preoccupa: niente ansia. Prima o poi scoprirete la cosa giusta da fare…Nel frattempo cercate di non perdere chi è stanco di attendere.

Scorpione:

Siete preoccupati per qualcosa? Ottimo. Affrontatela: il modo in cui vi approccerete al problema sarà un ulteriore passo per la conquista di una nuova maturità.

Sagittario:

Il tempo corre sfugge in modo inesorabile a qualsiasi nostro tentativo di controllo e rallentamento. Ricordatevene la prossima volta che vorrete rimandare qualcosa di importante.

Capricorno:

Una cosa alla volta e farete tutto. Sono tanti gli impegni che vi attendono ma niente panico: ce la farete!

Acquario:

Non vorrei apparire troppo romantica ma ricordate che il vero amore non può essere ingabbiato o bloccato. Quindi…via libera alla stagione dei gelati!

Pesci:

Basta mangiare tutte quelle schifezze! Non è il modo giusto di affrontare le difficoltà. Siate più decisi, soprattutto in amore.

Maria Domenica Depalo

Primo maggio

Art. 1 L’Italia è una repubblica democratica fondata sul lavoro.

Oggi celebriamo la giornata dedicata al lavoro ed ai lavoratori. C’è ancora tanto da fare sul fronte dei diritti, delle uguaglianze e della sicurezza.

Troppe sono ancora le mancanze ed i vuoti burocratici e legislativi relativi a chi, ogni giorno, si dedica con serietà e dedizione alla professione.

Bisogna garantire la possibilità di accesso al lavoro a tutti, indipendentemente dall’età, dal titolo di studio e dal genere.

Necessario appare combattere contro tutte le barriere fisiche ma anche mentali che possono fungere da ostacolo al diritto personale ed individuale di esprimere se stessi e di dare voce alla propria dignità.

Soprattutto in questo giorno appare doveroso ricordare tutte quelle persone che subiscono sopraffazioni e mobbing sul posto di lavoro ma soprattutto coloro che hanno perso la propria vita svolgendo la propria professione.

È fondamentale garantire soprattutto la sicurezza perché di lavoro non si può morire.

Il lavoro è un diritto e va garantito in tutte le sue forme e manifestazioni.

N. B. Tutte le immagini sono tratte da pixabay.com

Maria Domenica Depalo

Giornata mondiale della terra

Qual è la nostra casa comune? Qual è il luogo sempre pronto ad accoglierci anche se, spesso e volentieri, viene bistrattato, sfruttato e calpestato senza alcun riguardo?

Si chiama Gaia, dal greco γῆ, parola a sua volta derivante dal verbo γεννάω (generare), proprio ad indicare la sua forza generativa e vitale.

foto tratta da pixabay.com

Madre ma talvolta anche matrigna – come ci insegna Leopardi – per sua difesa e per riaffermare la sua forza ed il suo diritto alla vita, oggi viene celebrata.

foto tratta da pixabay.com

Lo faremo anche noi attraverso una poesia del mio amatissimo Gianni Rodari.

Buona lettura e buona giornata, Terra!

Storia Universale
di Gianni Rodari

In principio la Terra era tutta sbagliata,
renderla più abitabile fu una bella faticata.
Per passare i fiumi non c’erano ponti.
Non c’erano sentieri per salire sui monti.
Ti volevi sedere?
Neanche l’ombra di un panchetto.
Cascavi dal sonno?
Non esisteva il letto.
Per non pungersi i piedi, né scarpe né stivali.
Se ci vedevi poco non trovavi gli occhiali.
Per fare una partita non c’erano palloni:
mancava la pentola e il fuoco per cuocere i maccheroni.
Anzi a guardare bene mancava anche la pasta.
Non c’era nulla di niente.
Zero via zero, e basta.
C’erano solo gli uomini, con due braccia per lavorare
e agli errori più grossi si poté rimediare.
Da correggere, però, ne restano ancora tanti:
rimboccatevi le maniche, c’è lavoro per tutti quanti.

foto tratta da pixabay.com

Maria Domenica Depalo

Momento relax

photo©MariaDomenicaDepalo

Era solo e abbandonato e non potevo lasciarlo in quello stato. Non ho avuto altra scelta che comprarlo e mangiarlo.
#panzerotti
#panzerottino
#panzerottotime
#lamiamerendaèdifferente
#puglia
#puglialovers
#food
#slowfood
#streetfood
#alternativestreetfood
#fuoritempofuoriluogo
#campagnacontrolabbandonodelpanzerotto

Maria Domenica Depalo

Buona Pasqua!

Celebriamo le festività pasquali con una poesia non molto nota ma ricca di significato di Giovanni Pascoli, “Gesù”.

Incentrata sulla divinità ma anche sull’umanità del figlio di Dio, essa coglie appieno paure e speranze di noi tutti.

Buona Pasqua a tutti!

Gesù

Gesù rivedeva, oltre il Giordano,
campagne sotto il mietitor rimorte,
il suo giorno non molto era lontano.

E stettero le donne in sulle porte
delle case, dicendo: “Ave, Profeta!”
Egli pensava al giorno di sua morte.

Egli si assise, all’ombra d’una mèta
di grano, e disse: “Se non è chi celi
sotterra il seme, non sarà chi mieta”.

Egli parlava di granai ne’ Cieli:
e voi, fanciulli, intorno lui correste
con nelle teste brune aridi steli.

Egli stringeva al seno quelle teste
brune; e Cefa parlò: Se costì siedi,
temo per l’inconsutile tua veste.

Egli abbracciava i suoi piccoli eredi:
Il figlio Giuda bisbigliò veloce –
d’un ladro, o Rabbi, t’è costì tra ’piedi:
“Barabba ha nome il padre suo, che in croce
morirà.”

Ma il Profeta, alzando gli occhi
“No”, mormorò con l’ombra nella voce,
e prese il bimbo sopra i suoi ginocchi.

Maria Domenica Depalo

Tutte le immagini sono tratte da pixabay.com

Oroscopo filosofico di aprile 2022

Siamo nel pieno della primavera: fiori, luce e clima temperato ormai sono una costante delle nostre vite. Le belle giornate influenzano il nostro umore e ci guidano. Ma il mese di aprile cosa ci riserverà di speciale? Scopritelo in questo oroscopo filosofico. Leggetelo e commentatelo ma soprattutto ricordate sempre che non saranno dei segni a determinarvi ma solo voi stessi. Sempre.

Ariete:

Non abbiate paura a lasciarvi travolgere da un’ondata inaspettata ma straordinaria di emozioni. Novità per chi progetta viaggi e trasferimenti.

Toro:

Avete tutte le carte in regola per affrontare gli imprevisti, soprattutto in amore. Si prevedono novità sul piano lavorativo.

Gemelli:

Avete bisogno di ricongiungervi con voi stessi. Tenete lontane le influenze negative e meditate mezz’ora al giorno.

Cancro:

Ascoltatevi di più. Per troppo tempo vi siete trascurati. Vi consiglio un finesettimana in una spa: vedrete che un bel massaggio vi aiuterà a vedere le cose con occhi diversi.

Leone:

Un po’ di leggerezza non guasta: aiuta infatti a vedere le cose ed ad affacciarsi alle difficoltà con occhi nuovi. Vi consiglio l’acquisto della saga di Harry Potter (ovviamente mi riferisco ai romanzi).

Vergine:

Ritroverete amicizie che credevate perdute da tempo. Saranno un balsamo prezioso per i momenti di difficoltà che inevitabilmente incontrerete nel corso della vita.

Bilancia:

La parola chiave per voi è “adattamento”. Soltanto facendo vostro il significato di questo termine infatti, sarete in grado affrontare e di superare le difficoltà inaspettate.

Scorpione:

Non lasciate che le ferie rifiutate rovinino i vostri progetti. Piuttosto considerate questo rifiuto come un’occasione per ideare nuovi percorsi e viaggi alternativi.

Sagittario:

Una bella vacanza: ecco quello che ci vuole. Ve la meritate dopo questo periodo di riorganizzazione sul posto di lavoro che sembra aver mescolato e rimescolato tutte le carte.

Capricorno:

Siete esigenti e fate bene. Considerato l’impegno che mettete in ogni cosa, dalla famiglia al lavoro, è giustissimo che aspiriate al meglio.

Acquario:

Fuggite lontano da chi vi soffoca e da ciò che vi rinchiude e costringe in una morsa senza scampo. Non lasciate che vi tarpino le ali. Novità sul fronte viaggi.

Pesci:

Avete capito che l’ironia e la simpatia sono gli strumenti più giusti per affrontare anche le situazioni più bizzarre ed assurde. Siete quindi pronti a vivere momenti folli sia sul lavoro che in famiglia.

Maria Domenica Depalo